.
Annunci online

Un cielo così cupo non può schiarire senza una tempesta.
Riflessione del giorno
post pubblicato in Sex and the city, il 12 ottobre 2011

Più tardi, quel giorno, pensai a lungo alle relazioni: ci sono quelle che offrono sensazioni nuove ed esotiche, quelle che sono vecchie e familiari, quelle che sollevano un sacco di domande, quelle che ti portano in posti inaspettati, quelle che ti portano lontano dal punto di partenza, quelle che ti riportano indietro, ma la relazione più importante, difficile ed emozionante è quella che si ha con se stessi. E se trovi qualcuno che ti ama e che ami... beh, allora è davvero fantastico.

- Carrie Bradshaw -




permalink | inviato da Winston Blu il 12/10/2011 alle 19:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Il professore
post pubblicato in Sex and the city, il 10 agosto 2011
Primo appuntamento.
Lo so ci ho messo un po' a rimettermi in gioco, ma da qualche parte bisogna cominciare. Esco con lui, che chiamerò Il professore. Un nome un programma.

Outfit total black con perle al collo e sciarpetta visto che siamo sul lago, e poi con la mia nuova capigliatura non mi posso permettere abbinamenti troppo azzardati, bastano i capelli. Truccata con i colori del bronzo vado all'appuntamento.
Manco il parcheggio del supermarket e lo chiamo.
"Ma come hai fatto a non vederlo? E' gigante!"
Mi viene già voglia di sputargli in un occhio e ancora non ce l'ho davanti.
Ci accordiamo di incontrarci in stazione, me lo vedo arrivare a bordo di una bmw station wagon, scende dall'auto ed io voglio darmela a gambe. Pantaloni sabbia, maglioncino azzurro slavato con il colletto rigorosamente allacciato di una camicia a quadri che sbuca minaccioso dal giro collo. Occhialini alla Harry Potter e sguardo saccente.

Sono sprecata con uno così.

Parcheggio la mia auto e anzichè dirigersi verso il lago il professore mi porta sullo stradone principale, lontano dalla movida e in un bar terribile dove siamo solo noi 2 e una scimmia peluche gigante. Ordina un caffè. O mio Dio. Che faccio? Ordino un caffè anche io non sono scema.

"Allora, ti spiego come è nata la mia passione per la paloarcheologia."

Noooooo!!!

Dopo una mezz'ora di lezione di storia mi salta fuori con la teoria che egizi e maya fosseri alieni. E no. Non ce la posso fare.
Gioco il mio asso e parto con le superstizioni. Parlo di sangue e vampiri. Lui molla il colpo, ma poi mi ghiaccia:

"Visto che sei scettica vieni da me e ti mostro le foto."

Ma neanche se mi ci trascini.

"No, non mi sembra il caso."
"Ma si guardano solo le foto, non preoccuparti."
"Guarda, su questo non c'è dubbio. Domani mi devo alzare presto, meglio tornare alla macchina."

Come primo appuntamento poteva andarmi peggio.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. appuntamenti maya follia

permalink | inviato da Winston Blu il 10/8/2011 alle 17:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Ricordi che si sgretolano
post pubblicato in Sex and the city, il 23 luglio 2011
In questi giorni l'ho consumato il ricordo di quella notte. Ci ho passato sopra le dita alla ricerca di qualcosa che mi era sfuggito, di incongruenze, di non so nemmeno io cosa. L'ho fatto talmente tante volte che la superficie è diventata liscia, quasi sfuggente.
E mi sono persa nei labirinti della mia mente paranoica e fragile, e per poco mi lasciavo sfuggire la poesia del momento.

Tempus fugit.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. paranoia momenti detti latini

permalink | inviato da Winston Blu il 23/7/2011 alle 23:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Girls night out - amarcord -
post pubblicato in Sex and the city, il 27 giugno 2010


Stasera uscita con la Stordi, siamo andate ad una festa di paese. In quello poco distante da casa mia, dove ho passato gran parte della mia adolescenza. Mi ha fatto strani tornare alla stessa festa che quando ero più piccola non potevo assolutamente perdermi e guardare in determinati angoli per vedere coppiette appartate a farsi le fusa, sulle stesse panchine e sugli stessi muretti dove mi sono appartata anche io.
O sedermi su quello di fronte alla chiesa, che dà sulla valle sottostante, ad osservare le luci, sigaretta fra le dita... ricordando che la mia prima sigaretta l'ho fumata proprio lì. E per un attimo un brutto vizio ha assunto una tinta quasi romantica, nostalgica ed effimera come le sottili volute di fumo che partivano dalla mia Marlboro.

Sarà il Chianti, sarà quel che sarà. Ma stasera mi sento davvero felice di vedere tutta la strada che ho fatto e guardare quella che ho davanti non mi fa più così paura.



permalink | inviato da Winston Blu il 27/6/2010 alle 23:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
[Sex and the city] Old fashioned girl
post pubblicato in Sex and the city, il 7 ottobre 2009


Scoprire l'esistenza di siti del genere è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso.
In un mondo che sta davvero iniziando a girare a velocità folle sembra che la gente abbia perso di vista i punti di riferimento principali.
Ora nessuno pretende che ci trasformiamo in un popolo ultra spirituale (diverso da religioso), anche se diciamolo, male non ci farebbe. Riallacciare i contatti con il nostro "io", imparare ad ascoltarlo e quindi permetterci di sentire qualcosa e desiderare qualcosa che non sia acquistabile in comode rate aiuterebbe a migliorare la situazione.
Sono allibita.
Persone che non sanno restare insieme perchè hanno fatto promesse che non avevano neanche cercato di capire. Altri che restano insieme per comodo, e in questo modo giustificano il tradimento, le umiliazioni e la rabbia l'uno verso l'altro.
Padri che lasciano le famiglie in cerca di Dio solo sa cosa, padri assenti, padri che se ne fregano dei figli.
Madri che una volta messi al mondo i bambini o li trattano come dei giocattoli o li ignorano, li feriscono e non se ne curano.
C'è chi si suicida perchè non ha più la posizione di lavoro privilegiata di un tempo. Capisco la rabbia nel dovere ricominciare da un livello più basso, ma uno stipendio minimo di questi tempi è sempre meglio di non averlo affatto.
Poi io ho tutta la mia teoria sul suicidio, ma questa è un'altra storia.
In questi giorni sono a casa per pranzo e mia mamma è fissata con Forum. Programma agghiacciante, giuria popolare ignorante e assetata di sangue. Ma d'altra parte se il popolo vuole i leoni, aggiungiamoci anche i gladiatori.
L'altro giorno una figlia ha trascinato l'ex marito davanti al giudice per impedirgli di sposare la madre.
Sì. Questo beota aveva lasciato la figlia per mettersi con la suocera e l'aveva pure messa incinta.
Il giudice ha ricordato che una relazione del genere viene chiamata incesto, e li ha severamente condannati, anche in tutela del nascituro.
Il commento del beota quale è stato? "Se credevi di allontanarmi da tua madre in questo modo ti sbagliavi bella mia, io non la mollo la tua mamma."
Grazie a Dio quel bambino non conoscerà mai i suoi genitori in quanto verrà allontanato dai due subito dopo la nascita. Il tribunale dei minori a qualcosa servirà.
Non c'è più la voglia, il rispetto necessario per creare una famiglia, oppure è molto raro.
Non è un gioco mettere al mondo dei figli, non è una moda. é una responsabilità incredibile, spaventevole a volte.
Per questo io sono perplessa, molto perplessa, quando si parla di adozioni per coppie omosessuali.
Perchè c'è un rischio altissimo, non solo di pregiudizi e quant'altra sofferenza che purtroppo al giorno d'oggi implica una scelta "diversa", ma perchè temo che poi si crei un circolo vizioso a specchio di quello delle famiglie etero.
Chi si scopre gay in una famiglia etero quanto deve patire per affermare la sua identità sessuale?
E chi si scopre etero in una famiglia gay? Chi è cresciuto con un determinato modello educativo e affettivo tenderà in automatico ad aderire ad esso, almeno fino a quando non scoprirà di non condividerlo più.
E avete voglia a dirmi che è normale e che fa parte della crescita.
Lo vedo troppo spesso da troppo vicino quanta sofferenza provoca. Non potremmo evitarcela almeno questa?
Se vivi consapevolmente la tua omosessualità (maschile o femminile) allora sai già che la possibilità di fare figli ti è preclusa. O no? La questione per me è ancora decisamente aperta.

Ho smesso di credere alla famiglia del Mulino Bianco da un po', ma per certo non rinuncerò ai miei valori morali (per pochi che siano). Non mi butterò in una storia tanto perchè "così fan tutti".  E non farò figli solo perchè sono in grado di farli.
Sarò una goccia nell'oceano, ma non ho intenzione di farmi contagiare da questa "follia collettiva". Sarò una sognatrice, ma per me l'amore e la famiglia sono sacri.
Forse è per questo che sono ancora single.
Perchè non ho ancora trovato un uomo che sia degno di essere chiamato così, e magari di essere chiamato "papà" un giorno.



permalink | inviato da Winston Blu il 7/10/2009 alle 18:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
[Sex & the city] Anime gemelle
post pubblicato in Sex and the city, il 3 settembre 2009



Ieri pomeriggio shopping terapia con Seko. Abbiamo eletto negozio dell'anno "Kiko", convenuto che i miei gusti in fatto di vestiti sono un mix tra signorina bon ton e etno chic, e in qualche modo l'onda d'urto dell'Argentino è rientrata. E' incredibile, per quanto sia limitato il coinvolgimento e lo spazio temporale che occupa una storia, ha sempre delle conseguenze. E' la nostra natura, se ci avviciniamo una reazione si scatena comunque.

Ora raccolgo le conchiglie che sono sulla spiaggia.



permalink | inviato da Winston Blu il 3/9/2009 alle 13:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
[Sex and the city] The morning after
post pubblicato in Sex and the city, il 31 agosto 2009


I walk an empty street in the boulevard of broken dreams
Don't know where it leads,
but it's home to me and I walk alone...

Visioni del mondo talmente incompatibili da rendere impossibile anche solo un momento di più insieme.
In una cucina assolata hanno trionfato i clichet, ed io non ho retto.
Non posso sopportare che mi si ricalchi addosso un modello, qualcuno che io non sono, non di nuovo.
La mia tolleranza alle aspettative altrui si è abbassata di parecchio.
Voglio solo essere vista. Non mi interessa essere immaginata.




permalink | inviato da Winston Blu il 31/8/2009 alle 17:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto       
il mio profilo
tag cloud
links